Ho incrociato il mio futuro per caso

Ho incrociato il mio futuro per caso

di Fabrizio Benetti

Ho incrociato il mio futuro per caso, grazie al messaggio di un’amica che mi invitava a un incontro per confrontarsi sui temi legati all’omosessualità con altre persone della nostra città. Durante la prima riunione a cui ho partecipato ho sentito uno degli organizzatori accennare al fatto che sarebbe stato fondamentale creare un punto di riferimento per tutta la comunità LGBT+ dell’Altovicentino. Non sono una persona impulsiva, ma in quel momento ho sentito qualcosa dentro. Quella notte, a casa, ho capito che che avevo una missione da svolgere. 

Negli anni ho assunto un ruolo attivo all’interno dell’Associazione e moltissime sono state le attività che abbiamo organizzato con il gruppo. MaiMa si è dunque sviluppata come un’associazione di persone di ogni orientamento sessuale che si pone, come obiettivo primario, la lotta all’omofobia attraverso interventi nel mondo scolastico. 

Una dei nostri più grandi progetti è stata la creazione della rubrica online #MaiMaRisponde, in collaborazione con Io Sono Minoranza e Il Grande Colibrì. Abbiamo dato voce e risposta a tutti gli interrogativi dei più giovani e delle loro famiglie, che si affacciano per la prima volta alla scoperta delle diversità. L’obiettivo è quello di permettere a chiunque di ricevere delle risposte chiare su orientamento, omosessualità, unioni civili, transessualità, sessualità e non solo. Nel corso dei tre anni dalla creazione della rubrica abbiamo ricevuto più di 500 quesiti a cui abbiamo data tempestiva risposta, una grandissima responsabilità che però ci ha resi fieri del nostro apporto alla comunità LGBT+ e non.

Tra gli eventi più social che abbiamo creato c’è di sicuro l’AperiMaiMa. Negli anni infatti l’AperiMaiMa è diventato un appuntamento fisso per tutto l’Altovicentino. L’idea del nostro aperitivo friendly è nato dal desiderio di coinvolgere sempre più persone al nostro progetto ma anche di creare un ambiente inclusivo dove ognuno possa sentirsi libero di esprimere se stesso. Schio è diventata il centro di questo incontro e siamo felici di aver coinvolto quasi tutti i bar e ristoranti delle nostre città. 

Questa esperienza mi ha cambiato la visione del mondo e ho imparato una cosa fondamentale: il pregiudizio è una prigione, il giudizio è la condanna. Sta a noi spezzare le catene dell’omofobia.

Contatti: www.maima.online info@maima.online www.instagram/maima.insta www.facebook/maimagroup

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.