I NOSTRI GIOVANI: Chiara…i suoi sogni e il suo impegno

I NOSTRI GIOVANI: Chiara…i suoi sogni e il suo impegno

Chiara in bianco e nero

di Gianni Faccin

Chiara, dicci qualcosa di te, presentati

Sono laureata in servizio sociale e ho sempre lavorato in ambito educativo-artistico. La passione per la musica, trasmessa dalla mia famiglia e in particolare da mio padre, mi ha accompagnato fin da piccola, e crescendo ho cominciato a sognare che questa componente potesse diventare qualcosa si più che un hobby nella mia vita. Mi sento, al di là dei ruoli ricoperti, una donna pellegrina, che ad ogni passo del cammino cerca di essere più fedele a sé stessa.

Quali sono le tue passioni principali?

La musica accende in me una fiamma difficile da spegnere e ancora oggi mi richiama più di tante altre cose. Negli ultimi anni ho scoperto in me un amore anche per il movimento, la danza, come libera espressione di ciò che abbiamo dentro, e per le arti in generale, soprattutto quando si intersecano fra loro rendendo labili i confini fra una disciplina e l’altra.

E le cose a cui tieni di più?

Tengo molto allo spazio di Silenzio che ci permette di ritrovarci quando ci perdiamo tra pensieri e problemi quotidiani. Quale è stata la tua esperienza con il volontariato? Ho svolto volontariato per molti anni in ambito sociale: spesso questa attività nascondeva il bisogno di sentirmi utile, oltre che a rispecchiare alcune qualità che sicuramente erano presenti dentro di me.

Secondo la mia esperienza però, la vera soddisfazione affiora negli istanti in cui non “fai” più niente, ma porti semplicemente ciò che sei agli altri e lo condividi.

Se ti chiedessi di sintetizzare in una parola o in una frase l’essere volontario oggi, che cosa diresti?

Consapevolezza. Esprimere sé stessi a servizio degli altri.

Per leggere altre storie come quella di Chiara Pasin, esplora le nostre novità in lettera cliccando QUI, ti aspettiamo!

Se vuoi iscriverti alla nostra newsletter, mandaci una mail a info@gsmsangiorgio.com, oppure cliccando QUI