Insieme nell’ascolto delle persone

DimmiTiAscolto

Dal febbraio 2017 gestiamo anche un blog sull’Ascolto che si chiama DimmiTiAscolto (https://dimmitiascolto.wordpress.com/).

Come è noto, il blog non vorrebbe essere un semplice contenitore virtuale, ma invece vuole essere una comunità virtuale in cui si pubblicano contenuti e si possono stabilire legami e discussioni. In esso abbiamo pubblicato molti contenuti e sull’Ascolto in particolare oltre 60 articoli. Con questo integriamo quanto già avviene, ed è la parte prevalente e migliore, nella comunità reale che è quella di tutti i giorni, con gioie e sofferenze.

Ma DimmiTiAscolto è anche una visione del Punto d’Incontro San Giorgio, in quanto rivolge l’attenzione alle persone in difficoltà. Dice la stessa denominazione del blog: ”Le persone iniziano a guarire quando si sentono ascoltate”. Così dicendo, il nostro gruppo dichiara di dedicarsi all’ascolto delle persone, non tanto alla diretta risoluzione dei loro problemi specifici, non tanto al diretto soddisfacimento di bisogni materiali, ma a quanto c’è di più caro ossia attenzione alla persona con le sue peculiarità, alle sue sofferenze, titubanze, indecisioni, confusioni, solitudini, emozioni; e anche alle gioie, scelte, prospettive e ai sogni, desideri, progetti.

E DimmiTiAscolto è anche un progetto che era del Punto d’Incontro San Giorgio e che è stato dapprima condiviso con altri gruppi ed è stato fatto proprio da alcuni di essi: per esempio, dal Centro di Ascolto S. Cuore, appartenente all’Unità Pastorale Poleo-S. Cuore- S. Caterina, che, dopo anni di attività, ha deciso di unirsi al Punto d’Incontro San Giorgio, immettendo nuove energie, nuove ricchezze di idee, esperienze e sensibilità.

Si tratta di essere insieme nell’Ascolto delle Persone, pur con esperienze molto diverse, pur con una identificazione specifica e distintiva, ma con una forte consapevolezza: il voler mettere sempre la Persona al centro, uniti nel guardare nella stessa direzione.

Questa impostazione ci ha guidati finora e ci ha portato ad essere in rete con altre realtà sia istituzionali che di volontariato sia civili che religiose. Occorre cercare di credere nel principio che “il segreto è ascoltare perché nessuno lo fa più, e ci sono tante persone che sussurrano aiuto senza essere mai ascoltate”.

[Ivonne Gecchelin e Francesca Maculan, da ColoriAMO insieme, editoriale febbraio 2019]

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.